Elisabetta Maschio

Conductor

Elisabetta Maschio attended the conservatory "G.Verdi" in Milan taking piano lessons with Riccardo Risaliti.


She started her career as répétiteur with Laurence Foster in Paris and worked in that capacity in numerous theatres and music festivals both in Italy and abroad, such as Teatro Comunale in Bologna, Teatro Regio in Turin, Macerata Festival and Salzburg Festival.

 

She went through conductorship under the direction of Edoardo Müller and Gustav Kuhn, beeing his assistant conductor from 1989 to 1992.

 

Her public conducting debut took place in 1991 with the Budapest Staatsoper Orchestra in a performance of G. Verdi's Il Trovatore. In the same year she had a big personal success at "Macerata Festival" conducting Madama Butterfly. Since she has been regularly conducting in the operatic repertoire in various theatres both in Italy and abroad, such as Teatro Comunale in Bologna, Teatro Comunale in Modena, Teatro Politeama Greco in Lecce, Teatro Valli in Reggio Emilia, Teatro Olimpico in Vicenza, Teatro Sistina in Rome, Auditorium Pollini in Padova, Prague National Theatre and so on. Moreover, she has conducted in both the symphonic and operatic repertoires in Madrid, Budapest, Mexico City, Prague and Bilbao, conducting orchestras such as "Haydn Orchestra of Bolzano and Trento", "Virtuosi di Santa Cecilia", the "Padua Chamber Orchestra", "Bologna Chamber Orchestra", "Marchigiana Philarmonic" Orchestra, "Jasi Philarmonic Orchestra" (Romania), Staatsoper Orchestra in Budapest and the Orchestra of Novara.

 

In 1995 she founded the Sardinia Youth Orchestra. From 1995 until 1997 she was musical supervisor (operatic and symphonic repertoire, chamber music) of the Ente Concerti "M De Carolis" in Sassari and from  1996 until 1997 musical director and chief conductor of the Symphonic Orchestra in Lecce, conducting in the symphonic repertoire ranging from XVIII century to contemporary music.

 

Many famous artists such as Anna Caterina Antonacci, Ghena Dimitrova, Giorgio Merighi, Roberto Servile, Bruno Praticò, Andrea Bocelli (with whom she has recorded some pieces of his first L.P. ), Benedetto Lupo, Pavel Berman, Thomas Demenga, Lucero Tena, Yasuko Hayashij, Leonidas Kavakos have sung under her baton.

 

Her recording include ancient arias and Italian belcanto for R.C.A., unpublished pieces by L. Leo and N. Porpora for Bongiovanni and live recordings of G. Verdi's Falstaff and Mozart's Don Giovanni.


Recently she conducted Cin-Ci-Lá by Virgilio Ranzato at Teatro Verdi in Trieste (Italy), a concert with the Orchestra Giovanile in Asolo (Italy), Cavalleria Rusticana and Pagliacci in Novara and Mantua (DVD for "Kicco Classic"), Haydn's Stabat Mater in Aosta, Britten's Simple Symphony and Roussel's Sinfonietta in D minor with the Haydn Orchestra of Bolzano and Trento and Verdi's Requiem at Palais des Festivals in Cannes, Orchestra of Toulon.

betta-rockquiem-dito.jpg
oderzo-10-aprile-2015-9195.jpg
Composer Opera
G. Bizet Carmen
G. Donizetti Lucia di Lammermoor
  Don Pasquale
  Pigmalione
F. Gnecco La prova di un'opera seria
R. Leoncavallo I Pagliacci
P. Mascagni Cavalleria Rusticana
W. A. Mozart Nozze di Figaro
  Don Giovanni
  Così fan tutte
G. Paisiello Il fanatico in berlina
G. Puccini  Madame Butterfly
  Tosca
G. Rossini La cambiale di matrimonio
  La scala di seta
  Il signor Bruschino
  L'occasione fa il ladro
  Il barbiere di Siviglia
  Cenerentola
  Italiana in Algeri
G. Verdi La Traviata
  Il Trovatore
  Rigoletto
  Aida
  Falstaff

 

Concerti Sinfonici, Ente Concerti "M. De Carolis", Sassari, October 2011

 

All'interno della stagione lirica dell' Ente Concerti "M. De Carolis" si nota quest'anno l'apprezzabile presenza di ben tre concerti sinfonici: un ambizioso progetto per un'orchestra che si forma occasionalmente per la stagione lirica.
L'arduo compito di dirigere il programma più difficile dei tre, che comprendeva l'Ouverture dell'Alceste di Gluck, il Concerto per violino n. 4 in Re maggiore K 218 di Wolfang Amadeus Mozart, e la Sinfonia n. 3 in Mi bemolle maggiore op. 55, detta «Eroica», di Ludwig van Beethoven, è stato affidato a Elisabetta Maschio, già direttore artistico dell' Ente sassarese negli anni ‘95/ ‘97, una presenza che ancora riscuote a Sassari il consenso del pubblico, che non ha dimenticato le belle produzioni dirette dalla Maschio, come ad esempio La Cenerentola e Don Giovanni tra le altre.
Un' interpretazione rigorosa secondo i canoni dello «stile classico» quella dell' Ouverture dell' Alceste di Gluck, del tutto diversa, soprattutto nella scelta della consequenzialità degli stacchi de tempo, da quelle più note; chiara la resa del tono drammatico, caldo e pieno il suono.
Buona l'intesa tra la Maschio e la violinista Katharina von Harten, spalla dell'orchestra dell'Ente De Carolis nel concerto di Mozart. Elisabetta Maschio ha poi affrontato dirigendo a memoria, l' Eroica, evitando qualsiasi retorica, e cercando di trarre il massimo dalla compagine orchestrale.

 

Alberto Raimondi, L' Opera


Verdi's Requiem, Palais du Festival de Cannes, 2nd march 2010

 

Cette création mondiale grandiose et émouvante a fortement impressionné le public du Grand Auditorium...grâce surtout à la direction très précise et l'impeccable coordination musique/images du Chef d'Orchestre Elisabetta Maschio

 

Aurore Busser, Nicematin, 4th march 2010

 


Cavalleria Rusticana e Pagliacci, Teatro Coccia Novara, february 2010

 

Sicura e precisa nel gesto la direzione della Maschio, che ha accompagnato i cantanti e il coro assicurando un eccellente connubio tra musica e parte cantata e valorizzando al massimo le potenzialità dell'orchestra Coccia

 

Bruno Brusca, corrierebit.com

 


Cin cin là, Teatro Filarmonico Verona, december 2009

 

La direzione di Elisabetta Maschio mi è parsa un lusso in rapporto a quanto si sente nelle esecuzioni di certe compagnie di giro, e più in generale, in questo repertorio: una conduzione varia, vitale, elegante

 

Roberto Mori, L'Opera, december 2009

 


Carmen, Teatro Coccia Novara, april 2008

 

Musicalmente la bacchetta di Elisabetta Maschio è la sorpresa più bella di questo spettacolo, sfolgorante e luminosa all'attacco del Preludio, sensibile nel far vibrare le diverse atmosfere dell'opera con fantasia ed estro mirabili

 

Alessandro Mormile, L'Opera, april 2008