Gilda Fiume

Soprano

The Italian soprano gained a degree in voice at the Conservatory «G. Martucci» in Salerno» and she has continued studying with Mariella Devia. She won the first prize at the «Campi Flegrei» national contest, the «Città di Caserta Belvedere San Leucio» contest, and the «Leopoldo Mugnone» contest.  

She has successfully debuted as Maria in Maria de Rudenz at the Wexford Festival Opera as well as Lucia in Lucia di Lammermoor in the Theatres Pavarotti in Modena, Regio in Parma, Municipale in Piacenza, Valli in Reggio Emilia, Opera Giocosa in Savona and as Amina in La Sonnambula at the Teatro Filarmonico Verona and Teatro Massimo Bellini Catania.

 

Recently she has appeared as Donna Anna in Don Giovanni at the Teatro Comunale Sassari, Leonora in Il Trovatore at the Teatro Donizetti Bergamo, where she also sang as Eleonora in Donizetti’s Torquato Tasso and Matilde in Maria de Rudenz. Further she sang as Mimì in La Bohème and Anna in Le Villi at the Teatro delle Arti and Teatro Augusteo in Salerno.  

 

She works with the Gioacchino Rossini string quartet and the Ensemble Contemporaneo Symphony Orchestra. She has sung in concert for the Reate Festival at the Teatro Flavio Vespasiano in Rieti, in Rome and in Bergamo.  

 

 

fiume_maria-de-rudenz_sdraiata_bassa-risoluzione.jpg
dg-sassari-gilda-5.jpg
fiume-gilda.jpg
Composer Opera Role Theatre
G. Bizet Carmen Micaela  
V. Bellini Il Pirata Imogene  
  Beatrice di tenda Beatrice  
  I Puritani Elvira  
  La Sonnambula Amina Teatro Filarmonico, Verona
      Teatro Bellini, Catania
  Norma Norma  
G. Charpentier Louise Louise  
G. Donizetti Anna Bolena Anna  
  Lucrezia Borgia Lucrezia  
  Maria Stuarda Maria  
  Maria de Rudenz Maria Wexford Festival Opera
    Matilde Teatro Donizetti, Bergamo
  Lucia di Lammermoor Lucia Teatro Municipale, Piacenza 
      Teatro Pavarotti, Modena
      Teatro Valli, Reggio Emilia
      Teatro Regio, Parma
      Opera Giocosa Savona
  Poliuto Paolina  
  Torquato Tasso Eleonora Teatro Donizetti, Bergamo
C. Gounod Romeo et Juliette Juliette  
J. Massenet Manon Manon  
W. A. Mozart Così fan tutte Fiordiligi  
  Le nozze di Figaro Contessa  
  Don Giovanni Donna Anna Teatro Comunale, Sassari
  Die Zauberflöte Pamina  
   Idomeneo Elettra  
       
G. Puccini Gianni Schicchi Lauretta  
  La Rondine Magda  
  Turandot Liù  
  Le Villi Anna  
  La Bohème Musetta  
G. Verdi Falstaff Nannetta  
  La Traviata Violetta  
  Rigoletto Gilda  
  Il Corsaro Medora  
       
     

Lucia «Lucia di Lammermoor» Teatro San Carlo Napoli 2017

 

...sottolineata da un lunghissimo applauso la sua scena della follia, ci ha fatto per lunghi tratti emozionare, grazie, certo, a tutto l’armamentario belcantistico che possiede, alle doti attoriali, di cui sicuramente è dotata, ma soprattutto al non comune dono – o disciplina – di sapersi autoregolare, sfuggendo sempre, ed è tanto più difficile quanto più talento si possegga, alla diabolica tentazione di mostrare la propria eccezionalità, scadendo così nel puro sfoggio di tecnica.

 

Luigi Paolillo, Fermata Spettacolo

 

...una stratosferica Gilda Fiume, che nel difficilissimo ruolo del titolo, in cui si alterna con Maria Grazia Schiavo, dimostra eccezionali doti vocali, ben supportate sul lato della recitazione. Raffinatissima nelle colorature ed agile nei sempre limpidi acuti, la Fiume è magistrale nella scena della pazzia, dopo la quale il pubblico le tributa una meritatissima ovazione di quasi un minuto...

 

Cultura Spettacolo.it

 

Maria «Maria de Rudenz» Wexford Festival Opera 2016

 

Avalanche de métaphores ne sauraient pareillement nuire à Gilda Fiume, chanteuse italienne qui se glisse dans une partition truffée de difficultés avec une aisance admirable. Non pas soprano légère montée en épingle comme on rencontre trop souvent dans ce répertoire mais authentique lirico d’agilità au médium épanoui, virtuose, capable de varier les reprises autant que les couleurs et de canaliser son émission pour dessiner à sa guise le trait fin ou épais. Du style, du tempérament – suffisamment du moins pour affronter bravement les numéros les plus furieux (finale du premier acte et duo avec Corrado) , de l'audace dans l'aigu qu'elle n'hésite pas à aller chercher haut. Seul le trille pourrait être affirmé davantage dans un air d'entrée particulièrement adapté à ce type d'ornementation. Pourquoi une chanteuse douée de telles qualités dans un répertoire où les vraies titulaires ne courent pas les rues n'est-elle pas davantage sollicitée en dehors d'Italie. Patience ?

 

Cristophe Rizoud, http://www.forumopera.com/

 

Italian soprano Gilda Fiume flaunts a comprehensively excellent technique in delineating the tormented trajectory of the betrayed, vengeful Maria.

 

George Hall, https://www.thestage.co.uk

 

The doll-like stiffness of Gilda Fiume’s Maria (pictured above) here generates a curious friction with Donizetti’s dynamic vocal writing. Her agile voice roams widely, exploring all possible outlying emotions, while she herself remains physically confined. Trapped in this domestic prison, she projects her emotional adulthood, the maturity the separates her from the uncanny dolls all around, by sheer vocal force.

 

Alexandra Coghlan, ​http://www.theartsdesk.com

 

​The singers were all top-notch with Gilda Fiume  giving an excellent portrayal of the eponymous heroine. Donizetti sets the tessitura for the soprano high, at times scarily high, though that did not daunt Fiume as she soared with great technical brilliance to the high D. Possessing a golden tone and finely graded dynamic control, what impressed most was the ability to use both of these things to deeply move us. Her dying aria in Act III (the time where she actually does pop the clogs) featured stunningly beautiful pianissimo singing that ravished our ears while her declaration of love for Corrado in Act II was heart-melting. Fiume displayed a comic side to her character too: at the start of Act II, Maria is playing with two puppets which represent herself and Matilde. The slaps she bestows on the puppet Matilde had the audience in guffaws.

 

Andrew Larkin, https://bachtrack.com

 

Amina «La Sonnambula» Teatro Filarmonico Verona 2016

 

Alla prima ha debuttato nell’impervio ruolo di Amina il giovane soprano salernitano Gilda Fiume che ci ha offerto una prova sfavillante. Subito in parte fin dall’aria di sortita, Gilda Fiume ha saputo venire a capo ai numerosi difficili momenti della parte di Amina, riuscendo a restituire la sua tenerezza dolcezza. Conclude l’opera con una toccante Ah non credea mirarti per proseguire con un’ottima cabaletta Ah non giunge, deliziosamente variata nella ripresa. Una vera e propria rivelazione, in uno dei ruoli più impervi del Belcanto italiano che ha visto il soprano salernitano ancora più a suo agio rispetto alla Lucia donizettiana. 

 

The.Blogartpost

 

Gilda Fiume è una Amina che si distacca dal fantasma callassiano. Questo è già un punto a suo favore, perché è evidente la volontà di creare un’interpretazione personale. E la sua visione del personaggio ci è piaciuta moltissimo. E’ una Amina meno diafana, ma più genuina e solare. La voce è fatta di miele, con centri morbidissimi e acuti limpidissimi che sembrano un raggio di luce. La scena del sonnambulismo è un’oasi di magico lirismo e la cabaletta seguente è un trionfo di opulento splendore vocale (coronata da un brillante fa sovracuto).

 

Francesco Lodola, Ierioggidomaniopera

 

Lucia «Lucia di Lammermoor» Teatro Valli Reggio Emilia 2016

 

Nell’immenso ruolo di Lucia, Gilda Fiume che si è difesa con onore rivelando un canto generoso e una notevole duttilità di fraseggio.

 

Giulia Bassi, Gazzetta di Reggio

 

Lucia «Lucia di Lammermoor» Teatro Municipale Piacenza 2016

 

Il lavoro di Donizetti chiede ai cantanti non solo ottime capacità vocali ma anche , in misura forse maggiore,doti teatrali considerevoli per il personaggio di Lucia anzitutto. Sotto questi aspetti la prova di Gilda Fiume è quindi stata superlativa nell'atteso duetto "Verranno a te sull'aure" ma soprattutto nella lunghissima scena della pazzia. Meritatissimi gli applausi che le ha tributato il pubblico anche a scena aperta.

 

Mauro Bardelli, Libertà

 

Debutta, nel ruolo di Lucia, Gilda Fiume. Il giovane soprano ha un timbro morbido, pieno e importante da autentico lirico. La grande padronanza della tecnica le consente di mantenere colore e corposità di suono anche nella zona acuta, sempre salda e sicura. La prestazione, del tutto positiva, culmina nella lunga e attesa scena della pazzia, resa con pertinenza vocale e scenica.

  

Patrizia Monteverdi, Operaclick

 

Gilda Fiume ha il mi bemolle facile e tutto l’armamentario d’agguerrita belcantista necessario per affrontare il ruolo, eppure mai e poi mai (neppure alla tradizionale cadenza con flauto nella scena di pazzia) cade nella tentazione di trasformare Lucia in meccanico usignolo. Gioca sulle dinamiche, rende intensi i cantabili, varia con gusto e senza manierismi, è giovane nel timbro: grande prova.

 

GBOpera

 

Lucia «Lucia di Lammermoor» Teatro Comunale Pavarotti Modena 2016

 

Serata molto positiva per la giovane Gilda Fiume nel ruolo principale, che ha saputo far evolvere la sua Lucia da ingenua e nostalgica fanciulla innamorata in disperata e visionaria sposa omicida, rendendo anche la sua voce sempre più eterea fino a farla letteralmente fluttuare tra meravigliosi pianissimo, quasi appena udibili, ed acuti sicuri di corpo ed agilità.

  

Maria Teresa Giovagnoli, MTG Lirica

 

Donna Anna «Don Giovanni» Teatro Comunale Sassari 2015

 

Tra le interpreti femminili ha spessore vocale e interpretativo la Donna Anna di Gilda Fiume.

 

Giampiero Marras, L'Unione Sarda, ottobre 2015

 

Bene Gilda Fiume, che ha proposto una Donna Anna dal fraseggio pulito che ha strappato più di un applauso.

 

Luca Foddai, SardegnaDies.it

 

Sul versante femminile Gilda Fiume ha il pregio di dare sempre significato a ciò che canta, e la sua Donna Anna risulta ben a fuoco

 

Antonio Ligios, La Nuova Sardegna

 

l’ottimo soprano Gilda Fiume perfettamente in parte che ha superato con facilità le agilità delle sue difficili arie

 

Andrea Merli - I Teatri dell'Est

Audio