Matteo D'Apolito

Baritone

Born to be a buffo. Matteo D'Apolito studied voice at the conservatory U. Giordano in his home town Foggia (Italy). 

 

Despite his youth, he has already debuted several main roles including Don Bartolo in Il Barbiere di Siviglia at Teatri Verdi di San Severo, Teatro Stabile Potenza, Teatro Marrucino Chieti, Teatro Massimo Pescara, Teatro Bonci Cesena, Varna Opera (Bulgaria) and Busan Performing Arts (South Korea); Alidoro in La Cenerentola at the Theatres del Giglio in Lucca, Alighieri in Ravenna, Rendano in Cosenza, Luglio Musicale Trapanese Festival; Mamma Agata in Le Convenienze ed Inconvenienze Teatrali at Teatri Verdi Pisa, Teatro del Giglio Lucca and Teatro Goldoni Livorno; Don Profondo in Il Viaggio a Reims at Rossini Opera Festival Pesaro; Gaudenzio in Il Signor Bruschino at Teatro Marrucino in Chieti (Italy); Schaunard in La Bohème for kids at the Teatro Regio Turin; Leporello in Don Giovanni in Foggia; Papageno in Die Zauberfloete at the ROH Muscat (Oman); Dulcamara in L'Elisir d'Amore at Teatro Rendano in Cosenza and Seoul Arts Center (South Korea); Lorenzo in I Capuleti e i Montacchi at the Teatro Verdi Padova and "Tito Gobbi" Castle in Bassano del Grappa; Uberto iLa Serva Padrona at Teatro Coliseo in Buenos Aires; Tobia in Ser Marcantonio at Rossini Festival in Bad Wildbad; Betto di Signa and Talpa in Trittico Pucciniano at Seoul Arts Center; Parvolo Patacca in Giove a Pompei at the Teatro Giordano Fogia and Teatro degli Scavi Pompei.

 

Among his future engagements Podestà in J. Foroni's Margherita at the Wexford Festival, Alidoro in La Cenerentola at the Teatro Municipale in Piacenza, Beaupertuis in N. Rota's Il Cappello di Paglia di Firenze at the Teatro San Carlo Naples.

d-apolito-matteo_.jpg
Composer Opera Role Theatre
V. Bellini I Capuleti e i Montecchi Lorenzo Teatro Verdi Padova
      Bassabo del Grappa
G. Carissimi Jepthe Historicus  
G. Donizetti Le Convenienze ed Inconvenienze Teatrali Mamma Agata Teatro del Giglio Lucca
      Teatro Verdi Pisa
      Teatro Goldoni Livorno
  Il Campanello Annibale Pistacchio  
  Don Pasquale Don Pasquale  
  L’Elisir d’Amore Dulcamara Seoul Arts Center
  La Fille du régiment Sulpice  
G. F. Händel Giulio Cesare Achilla  
  Orlando Zoroastro  
U. Giordano Giove a Pompei Parvolo Patacca Teatro U. Giordano Fogga
      Teatro degli Scavi Pompei
W. A. Mozart Così fan Tutte Guglielmo  
    Don Alfonso  
  Die Zauberfloete Papageno ROH Muscat
  Don Giovanni Leporello Foggia
    Masetto Foggia
  Le Nozze di Figaro Figaro  
    Conte d’Almaviva  
    Bartolo  
  Incoronation Mass   Foggia
C. Orff Carmina Burana   Foggia
G. Paisiello Il Barbiere di Siviglia Bartolo Teramo
    Basilio  
S. Pavesi Ser Marcantonio Tobia  
G. B. Pergolesi La Serva Padrona Uberto Teatro Coliseo Buenos Aires
G. Puccini La Bohème Schaunard Teatro Regio Turin
    Benoit  
    Alcindoro  
  Gianni Schicchi Betto di Signa Seoul Arts Center
  Il Tabarro Talpa Seoul Arts Center
  Tosca Sacristan Sejong Center Seoul
G. Rossini Il Barbiere di Siviglia Don Bartolo Teatro Marrucino Chieti
      Varna State Opera
      Busan Performing Arts
  La Cenerentola Alidoro Luglio Musicale Trapanese
      Teatro del Giglio Lucca
      Teatro Alighieri Ravenna
      Teatro Rendano Cosenza
    Don Magnifico  
    Dandini  
  Le Comte Ory Le Gouverner  
  L’Italiana in Algeri Mustafà  
    Haly  
  Il Signor Bruschino Gaudenzio Teatro Marrucino Chieti
    Bruschino Padre  
  Il Viaggio a Reims Don Profondo ROF Pesaro
    Barone Trombonok  
  Tancredi Orbazzano  
N. Rota Il Cappello di Paglia di Firenze Beaupertuis  
G. Verdi La Forza del Destino Melitone  
A. Vivaldi Bajazet Bajazet  
  Tito Manlio Tito/Lindo  
       
CONCERT      
       
J. S. Bach Magnificat    
L. v. Beethoven IX Sinfonia    
G. Faurè Requiem   Foggia
W. A. Mozart Requiem    
G. Rossini Petite Messe Solennelle    

Alidoro «La Cenerentola» Luglio Musicale Trapanese 2017

 

Maggiore grado di risoluzione raggiunge Matteo D’apolito nel ruolo di Alidoro, che si produce in un “Là del ciel nell’arcano profondo” piuttosto accurato.

 

Giuseppe Guggino, L´Ape Musicale

 

Parvolo Patacca «Giove a Pompei» Teatro U. Giordano Foggia 2017

 

Una menzione davvero speciale la merita il baritono Matteo D’Apolito, di San Giovanni Rotondo. Il ruolo di Parvolo Patacca, che alla “prima” nel 1921 fu affidato al celebre cantante attore, poi regista e capocomico, Riccardo Massucci, richiede l’impegno di un grande attore, oltre che una linea di canto in grado di affrontare sia le pagine solistiche che i concertati, piuttosto impegnativi specie quello a conclusione del secondo atto. Ricalcando giustamente i tratti del celeberrimo Nerone di Petrolini, che poi fu una creazione di quei lontani tempi, è riuscito a darne un’immagine esilarante e molto dinamica, tenendo conto della lunghezza della sterminata sua parte parlata: bravissimo.

 

Andrea Merli, L'Impiccione Viaggiatore

 

Al centro della vicenda vi è la figura di Parvolo Patacca, interpretato in modo eccellente dal baritono Matteo D’Apolito che ha palesato ottime doti non solo vocali ma anche attoriali, in un personaggio creato appositamente per un capocomico.

 

Domenico Gatto, Operaworld

 

Alidoro «La Cenerentola» Teatro del Giglio Lucca 2017

 

le physique dû röle di Matteo D’Apolito e una vocalità tonda ed elegante hanno reso molto elegiaco e direi quasi ieratico, il personaggio del filosofo Alidoro; una figura che ispira fiducia, sicurezza, compassione, deve accompagnare le sue peculiarità anche nell’emissione vocale; l’inizio in sordina per questo ruolo non deve trarre in inganno; è proprio a lui che nel 1821, quando l'interprete di Alidoro al teatro Apollo di Roma doveva essere il baritono Carlo Moncada, ammirato da Rossini, il compositore sostituì l'aria di Agolini "Vasto teatro è il mondo" con un nuovo esteso pezzo di bravura, Là del ciel nell'arcano profondo; proprio in quest’aria ha trovato ampio sfoggio. a Lucca, la voce di D’Apolito regalandoci una pagina di sublime nobiltà, di suadente legato e di morbido fraseggio con grande cura delle dinamiche e delle intenzioni.

 

Simone Tomei, www.gliamicidellamusica.net

 

Il baritono pugliese Matteo D’Apolito ben si disimpegna nel ruolo di Alidoro, eseguendo con gusto e musicalità l’aria “Là del ciel nell’arcano profondo”

 

Filippo Antichi, www.connessiallopera.it

 

Buono l’Alidoro di Matteo D’Apolito, alle prese con una delle arie più difficili scritte da Rossini (e le sue sono difficili quasi tutte)...

 

Alberto Mattioli, www.lastampa.it

 

...l’autorevole Alidoro cantato con gusto e morbidezza, ma anche precisione nelle agilità della temibile aria “Là del ciel nell’arcano profondo”, dal promettente e giovane Matteo D’Apolito.

 

Andrea Merli, L'Impiccione viaggiatore

 

È buono anche l’Alidoro di Matteo D’Apolito, dalla vocalità e dalla presenza autorevole che non viene messa troppo in difficoltà neppure nella temibile aria.

 

Fabrizio Moschini, Operaclick

 

Gaudenzio «Il Signor Bruschino» Teatro Marrucino Chieti 2015

 

Nel cast ha spiccato Matteo D’Apolito, di robusta vocalità e soprattutto con un fraseggio sempre adatto alla natura di Gaudenzio, che non è Don Bartolo o Taddeo ma personaggio più spostato sul versante semiserio. Bravo in questo senso nel duetto E’ un bel nodo, cantato con una vena di non incongruo affetto paterno.

 

Domenico Ciccone, Operaclick

Audio